Synth Cafè intervista: Purrtronics Modular

31870320_1558423394255972_6763664250918404096_n.jpg
Purrtronics: Pietro Gambarin, Lorenzo Vash, Marco Bagicalupo

Da un pò di tempo ero a conoscenza del massonico segreto modulare dei Purrtronics grazie a Lorenzo Vash, persona che ho avuto modo di conoscere grazie a Synth Cafè. Il segreto è durato fino a qualche giorno fa, segreto che riguarda tre moduli interamente progettati da Pietro, Lorenzo e Marco. Una novità intrigante nel campo modulare.

Insomma: non vedevo l’ora di intervistarli!

S.C.: Parliamo del progetto Purrtronics. Quando è nato? Chi siete?

Lorenzo: Purrtronics è un progetto che nasce a cavallo fra la Liguria ed il Veneto, dalla fusione delle parole “Purr” (le fusa del gatto in inglese) ed “Electronics”. Abbiamo avuto l’idea di combinare le nostre forze a fine 2017 con l’intento di proporre qualcosa di nostro al mondo modulare, il team ufficiale sarebbe composto da me e Pietro ma chiaramente anche Marco di Radiomeccanica fa parte della famiglia.
Io solitamente mi occupo della progettazione e della parte prettamente teorica mentre Pietro è un mago del disegno a computer, diciamo che riesce a mettere su circuito stampato i miei progetti fatti su carta!

S.C.: Ciao Lorenzo, vorresti parlarmi di come sei arrivato a costruire moduli eurorack?

Lorenzo: Come in tanti sul forum ben sapranno il mio lavoro e la mia vita ruotano attorno al mondo della musica elettronica già da qualche anno, grazie ai miei studi in elettronica, alla conoscenza con Pietro (RedCat) e alla possibilità di usare il laboratorio di Radiomeccanica per progettare/sviluppare Ë nato quasi dal nulla questo progetto modulare.

31453847_2090508987630289_7483260517847400448_n
un particolare di un modulo Purrtronics

S.C.: Parliamo in dettaglio dei tuoi moduli, ovviamente immagino che l’anima sia analogica. A cosa vi siete ispirati?

Lorenzo: In realtà possiamo definirci di larghe vedute, nonostante la mia normale attività di tecnico si svolga quasi prettamente su macchine analogiche io e Pietro abbiamo trovato una sinergia che ci permette di lavorare anche in campo digitale, infatti il nostro primo modulo sarà completamente digitale.

S.C.: Dai! questa non me la sarei proprio aspettata!

Lorenzo: Per partire con i primi progetti abbiamo deciso di rivedere completamente alcuni circuiti “evergreen” della sintesi musicale analizzando nel minimo dettaglio il funzionamento per poi procedere alla completa riprogettazione ex-novo per adattarli alle esigenze dei musicisti moderni.
Chiaramente non mancheranno i riferimenti velati alla golden age degli strumenti legnosi, ingombranti ed analogici ma ci limiteremo solo a qualche piccola parentesi 🙂

S.C.: Quali sono le difficoltà più grandi che avete riscontrato nella progettazione? Conoscendovi un pò, avrete sfiorato la pignoleria in qualsiasi dettaglio.

Lorenzo: In effetti lo sviluppo Ë stato al limite del normale, anche mettere d’accordo due teste come la mia e quella di Pietro non Ë stato per niente facile, per fortuna il buon Marco (Radiomeccanica, ndr) è stato un ottimo consigliere e mitigatore. I Moduli hanno il loro layout ed il loro schema ormai da gennaio, gli ultimi 4 mesi sono stati spesi in test e misure, giusto per far capire il grado di pazzia! (ride)

31820685_1558444444253867_4645324541592076288_n.jpg
Purrtronics nel laboratorio Radiomeccanica

S.C.: Sono rimasto colpito anche dall’aspetto grafico, sono davvero belli!

Lorenzo: abbiamo la super fortuna di avere Roberta, la ragazza di Pietro, che si occupa delle grafiche. Molto brava e con un ottimo gusto. Non vi anticipiamo niente ma il design Ë veramente accattivante!

S.C.: Aspettiamo allora di vedere questi moduli. Ho solo un pò paura: se dovesse andare tutto per la meglio, riparerai ancora i nostri poveri sintetizzatori?

Lorenzo: Le riparazioni sono quelle che mi hanno fatto diventare “Vash di Synth Cafè”: è un amore troppo grande per essere abbandonato ma soprattutto non si smette mai di imparare e per un assetato di conoscenza come me è una manna dal cielo. Senza contare le ottime persone che ho conosciuto facendo questo lavoro!

(un grazie a Lorenzo Vash e ai ragazzi di Purrtronics, Marco e Pietro)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...